Musoken Milano

Vai ai contenuti

Menu principale:


Lo Iaido è una arte, o meglio una "Via" marziale non molto antica, laddove i suoi praticanti apprendono e perfezionano tecniche attraverso l'uso della spada giapponese, la Katana. Una delle possibili interpretazioni letterarie del termine Iaido potrebbe essere "Via dell'unione dell'energia" a seconda di come si vuole intendere gli ideogrammi che ne compongono il nome. In termini pratici si tratta dell'arte di estrarre la spada e di colpire con un unico movimento l'avversario. Anticipando a tutti gli effetti ogni sua reazione. A differenza della scherma (sia Occidentale che Giapponese, il Kendo) dove i due avversari si presentano sempre con le spade già sguainate, lo Iaido prefigura delle situazioni nelle quali si debba far fronte ad uno o più attacchi quando la spada si trovi ancora nel fodero. Storicamente si fa risalire la nascita dello Iaido moderno alla quasi leggendaria figura di Hayashizaki Jinsuke Shigenobu, il quale nella seconda metà del sedicesimo secolo codificò per primo una serie di tecniche di combattimento che prevedevano l'estrarre la spada e contemporaneamente colpire uno o più avversari. In realtà tali tecniche si erano sviluppate più o meno autonomamente durante quegli anni a causa della modificazione del modo di usare la spada, che era passato dalla montatura appesa, indossata con il filo della lama verso il basso (Tachi), adatta per un uso della spada stando a cavallo, ad una montatura più semplice, indossata sotto la cintura e con il filo rivolto verso l'alto (katana). Questo modo di portare la spada consentiva un uso più agevole muovendosi a piedi e permetteva anche di avere la spada immediatamente in posizione di taglio o di uso appena estratta. Con l'evoluzione da semplice tecnica di combattimento (Jutsu) a Via Marziale (Do) lo Iaido si è modificato in una tecnica che possiamo definire di"meditazione in movimento", pur mantenendo intatte le sue caratteristiche di combattimento. Si pratica attraverso forme (Kata) come tutte le Arti Marziali classiche e con l'uso di una vera spada (katana) o di una spada da allenamento priva di filo (Iaito). Vengono studiate alcune forme moderne e standard di kata, stabilite dalla Federazione Giapponese con lo scopo di fornire una base didattica comune, ma anche le antiche scuole tuttora attive (Koryu). Nella nostra scuola si studia infatti, oltre allo Iaido standard moderno, il Muso Shinden Ryu, che è una sistematizzazione risalente all'inizio del secolo scorso proprio della antica scuola di Hayashizaki Jinsuke. Eleganza, fluidità, controllo di se stessi e delle proprie azioni e percezioni sono gli effetti di una pratica seria ed approfondita dello Iaido, che porta ad un costante e significativo confrontarsi con il proprio "io" nascosto e con le proprie reazioni inconsce con lo scopo di superare i nostri limiti e di fare di ogni praticante una persona migliore.

Ed è proprio con questi fini che nel 1999 il Maestro Leonardo Amoruso fonda in Milano il dojo Musoken.





Foto di gruppo al termine di uno stage di Koryu.




Il Maestro Amoruso con alcuni dei suoi allievi.
Alla sua destra il Maestro Paolo Grosso.
Torna ai contenuti | Torna al menu